Source files of fsfe.org, pdfreaders.org, freeyourandroid.org, ilovefs.org, drm.info, and test.fsfe.org. Contribute: https://fsfe.org/contribute/web/ https://fsfe.org
You can not select more than 25 topics Topics must start with a letter or number, can include dashes ('-') and can be up to 35 characters long.

losing-heritage.it.xhtml 1.7KB

12345678910111213141516
  1. <?xml version="1.0" encoding="UTF-8" ?>
  2. <html>
  3. <head>
  4. <title>Perdere i patrimoni digitali | Digital Restrictions Management</title>
  5. </head>
  6. <body>
  7. <h1>Perdere i patrimoni digitali</h1>
  8. <div class="inner-content">
  9. <p>Le fonti scritte che consideriamo antiche hanno almeno qualche centinaia d'anni, a volte migliaia. I file paradossalmente vengono conservati su supporti molto deperibili, come CD e memorie flash. Questi oggetti possono divenire inutilizzabili nel giro di una decina d'anni. Inoltre i DRM incatenano la cultura contemporanea (libri, opere musicali e film) ai dispositivi, quando uno di essi viene perso viene perso anche tutto ciò che si poteva vedere da lì.</p>
  10. <p>Se incatenare la cultura è un problema già per l'uso privato, come dovremmo dire di biblioteche, archivi, musei ed altre istituzioni scientifiche e culturali? Uno dei loro scopi principali è registrare e rendere accessibili i propri archivi, che con l'andare del tempo vengono sempre più digitalizzati e devono poter essere copiati velocemente e senza problemi. Ed ora il problema più grande, un DRM funziona solamente finché l'azienda che lo produce continua a venderlo. Se un programma DRM viene dismesso, tutto il contenuto protetto rischia di rimanere inaccessibile, anche se l'avete pagato.</p>
  11. <p>Mentre le biblioteche e gli archivi hanno conservato il nostro retaggio culturale per molti secoli, oggi sono costrette a spendere ingenti somme di denaro pubblico per del materiale che potrebbe diventare illeggibile nell'arco di pochi decenni; un'abbondanza di fonti, materiale storico ed educativo andrà persa. I ricercatori del futuro potrebbero chiedersi perché la società di oggi abbia deciso di cancellare la propria cultura.</p>
  12. </div>
  13. </body>
  14. </html>