Source files of fsfe.org, pdfreaders.org, freeyourandroid.org, ilovefs.org, drm.info, and test.fsfe.org. Contribute: https://fsfe.org/contribute/web/ https://fsfe.org
You can not select more than 25 topics Topics must start with a letter or number, can include dashes ('-') and can be up to 35 characters long.
 
 
 
 
 
 

223 lines
12 KiB

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<html newsdate="2008-12-02">
<version>1</version>
<head>
<title>Cosa caratterizza un'impresa di software libero?</title>
</head>
<body>
<h1>Cosa caratterizza un'impresa di software libero?</h1>
<p>(I dibattiti su una <a
href="https://blogs.fsfe.org/greve/?p=251">Strategia Europea del
Software</a> hanno riguardato molteplici problematiche di interesse
generale, tuttavia i dibattiti non possono essere resi pubblici per ragioni
di confidenzialità. Invece, questo articolo si concentra su una questione
analizzandola da un punto di vista personale).</p>
<p>Sebbene sembri una questione antiquata, <em>Come fare soldi con il <a
href="/activities/wipo/fser.html">Software
Libero?”</a></em> era una domanda molto frequente fino a qualche anno fa.
Oggi questa domanda ha evoluto verso <em>“Quali strategie commerciali di
successo possono essere implementate sulla base del Software
Libero?”</em></p>
<p>Questa domanda molto più precisa è stata posta più volte durante le
discussioni a proposito della Strategia Europea del Software, con in
particolare dei contributi interessanti provenienti da diverse personalità,
come <a
href="http://blogs.the451group.com/opensource/2009/02/23/on-open-source-business
-strategies-again/">Matthew Aslett</a>, <a
href="http://carlodaffara.conecta.it/?p=104">Carlo Daffara</a> o <a
href="http://news.cnet.com/8301-13505_3-10168267-16.html">Matt Asay</a>.
Un'altra personalità si è recentemente interessata alla questione: <a
href="http://www.thondomraughts.com/2009/03/making-money-with-free-software.
html">Anoop John</a>, che incontrai in <a
href="https://blogs.fsfe.org/greve/?p=144">Kerala due anni fa</a>.</p>
<p>Dopo diversi anni nel campo, aiutando gli imprenditori a trovare modelli
commerciali adatti a loro, discutendo la questione delle compagnie di
Software Libero e la diversità di una comunità sia commerciale che non
commerciale, una serie di elementi risaltano, e vorrei condividerli.</p>
<h2>Punto primo: Pensare in modo chiaro</h2>
<p>Per sviluppare delle strategie commerciali, è necessaria in primo luogo
una comprensione chiara degli elementi di cui ci vogliamo occupare.
Sfortunatamente, questo compito non è facilitato da un comune uso ambiguo
di alcuni termini per alcuni concetti e problematiche fondamentalmente
differenti, ad esempio l'uso del termine “Open Source” a indicare un
modello di software, un modello di sviluppo o un modello commerciale.</p>
<p>Questi modelli sono ortogonali, come le tre assi di un sistema 3D, i
loro rispettivi differenziatori sono il <strong>controllo</strong> (modello
di software), la <strong>collaborazione</strong> (modello di sviluppo),
<strong>reddito</strong> (modello commerciale).</p>
<ul>
<li>L'asse del <strong>modello di software</strong> è quello di cui si
discute più spesso. Da una parte c'è il software proprietario, per il
quale il produttore mantiene un controllo completo sul software, mentre
l'utente riceve un permesso d'uso limitato attraverso una licenza,
concessa sotto ben precise condizioni. Dall'altra parte c'è il Software
Libero, il quale garantisce all'utente un controllo sol software senza
precedenti, attraverso una garanzia irrevocabile ex-ante, ed un diritto
universale d'uso, studio, modifica e distribuzione del software.</li>
<li>L'asse del <strong>modello di sviluppo</strong> descrive le barriere
di collaborazione, dai progetti sviluppati da una singola persona o
venditore, fino a progetti che permettono un'ampia collaborazione
globale. Questo elemento non dipende dal modello di software adottato.
Esiste software proprietario che permette una considerevole
collaborazione, ad esempio per quanto riguarda il programma di
partenariato SAP, e Software Libero sviluppato da una sola persona o
compagnia, con poche o nulle contribuzioni esterne.</li>
<li>L'asse del <strong>modello commerciale</strong> descrive il tipo di
modello di reddito scelto per il software. Diverse opzioni per quest'asse
includono: formazione, servizi, integrazione, sviluppo personalizzato,
modelli di abbonamento. “Commercial Off The Shelve” (COTS), “Software as
a Service” (SaaS), eccetera.</li>
</ul>
<p>Queste tre assi definiscono lo spazio in cui qualunque progetto di
sviluppo di software, o qualunque prodotto proveniente da una compagnia
qualsiasi, possono liberamente posizionarsi. Ciò non significa che tutte le
combinazioni possibili avranno successo. Un modello di reddito basato su
strategie di lock-in con cicli di aggiornamento rapidi e a pagamento
difficilmente funzionerà con il Software Libero come modello di software,
se il modello commerciale prevede il completamento di una transazione
finanziaria come una delle condizioni per concedere una licenza.</p>
<p>Si dovrebbe considerare che la sovrapposizione tra possibili modelli
commerciali sulla base dei diversi modelli di software è molto più ampia di
quanto generalmente non si creda. Le condizioni di base del modello del
Software Libero rendono generalmente impossibile compromettere le
condizioni di ottenimento di una licenza, includendo ad esempio il
requisito di una transazione finanziaria. Tuttavia, attraverso il modello
commerciale è possibile ottenere flussi di reddito molto simili attraverso
delle costruzioni contrattuali, marchi e/o certificazioni.</p>
<p>Ognuna di queste assi richiede un'attenzione specifica ed un'attenta
pianificazione, sulla base degli scopi del progetto.</p>
<p>Se, ad esempio, lo scopo è quello di lavorare con la concorrenza su un
componente non differenziato, al fine di raggiungere un'indipendenza da un
potenziale fornitore monopolistico, può essere appropriato concentrarsi su
una collaborazione e scegliere un modello di software che includa una
licenza Copyleft. In questo caso, il modello commerciale può essere
trascurato, poiché il beneficio dell'investimento si presenta nella forma
dell'acquisizione di una maggiore indipendenza strategica, e costi di
licenza più bassi.</p>
<p>In un altro caso, una compagnia potrebbe scegliere un modello di
sviluppo comunitario basato su una potente licenza Copyleft, con un modello
di reddito basato sulla pubblicazione di edizioni stabili di software
destinato alle imprese, e per le quali le aziende forniscono garanzie di
maturità, stabilità e sicurezza per i loro clienti.</p>
<p>Il numero di combinazioni possibili è quasi infinito; le scelte fatte
determineranno gli elementi di differenziazione di ogni impresa con le
altre, insieme ai loro fattori di forza e debolezza. Avere questi parametri
ben chiari in mente è essenziale per elaborare una strategia economica di
successo.</p>
<h2>Punto secondo: Una libertà in movimento.</h2>
<p>Secondo Gartner, l'utilizzo di software libero dovrà essere pari al 100%
nel Novembre 2009. Questa considerazione rende l'uso del Software Libero un
cattivo criterio per definire un'impresa di Software Libero. Le
contribuzioni attive a dei progetti di Software Libero sembrano essere una
scelta leggermente preferibile, ma poiché molti progetti di Software Libero
anno adottato un modello di sviluppo collaborativo del quale gli
utilizzatori dirigerebbero loro stessi lo sviluppo, questa etichetta si
applicherebbe anche a delle imprese che non appartengono al settore
informatico (IT).</p>
<p>Le aziende che appartengono al settore informatico sono tra gli utenti
più intensivi del software, e spesso sono integrate a un insieme/ambiente
di applicazioni più ampio. Facendo parte di questo insieme, il loro uso del
software non si riferisce solo ai desktop e ai server utilizzati dai
dipendenti dell'azienda, ma anche alla piattaforma sulla base della quale
la soluzione software della compagnia è fornita.</p>
<p>Mantenere l'uso di piattaforme proprietarie su misura è inefficace e
costoso, e dipendere da altre aziende per la gestione delle piattaforme è
pericoloso. Di conseguenza, grandi imprese proprietarie hanno iniziato a
mettere fuori produzione le loro piattaforme proprietarie, redirigendosi
verso il Software Libero al fine di sfruttare i vantaggi competitivi
determinati da questo modello di software per il loro uso personale del
software al livello della piattaforma. Queste aziende interagiranno bene
con i progetti da cui dipendono, contribuiranno ad essi e ne incoraggeranno
la crescita, in quanto strumenti per sviluppare la loro indipendenza
strategica in quanto utenti di software.</p>
<p>Ciò che fa sì che queste imprese siano proprietarie, è che nei casi in
cui esse non sono prima di tutto utenti del software, ma fornitori per i
loro clienti a valle, il modello di quel software è proprietario. Ciò
preleva dai clienti gli stessi benefici strategici del Software Libero che
la compagnia sta usando per migliorare la propria competitività.</p>
<p>Dal punto di vista di un cliente, questa soluzione diventa parte della
piattaforma sulla quale le attività che differenziano l'azienda sono
basate. Si tratta, come già visto, di una strategia inefficiente, costosa e
pericolosa.</p>
<p>Dal punto di vista del mercato, si tratta di un'inefficienza che
fornisce ad altre aziende l'opportunità di sviluppo commerciale di fornire
ai clienti un'altra soluzione completamente basata sul Software Libero.
Per i clienti, preferire questi fornitori rispetto ai proprietari è
strategicamente ed economicamente razionale, per le stesse ragioni per cui
i fornitori proprietari hanno scelto delle piattaforme basate su Software
Libero per loro stessi.</p>
<p>Strategicamente parlando, ogni compagnia che includa componenti di
software proprietario nel proprio modello di reddito dovrebbe considerare
che questo flusso di reddito dipende in larga parte dalla mancanza di
alternative basate su Software libero, e che la crescita del mercato,
insieme ai profitti eccessivi generati grazie al modello proprietario,
serviranno entrambi ad attrarre altre aziende che renderanno il modello
proprietario insostenibile. Quando arriverà quel momento, le aziende
potranno spostare il loro modello di reddito in un altro mercato, o
trasformare la loro fonte di reddito, scegliendo di lavorare su un modello
di software interamente basato sul Software Libero.</p>
<p>Quindi, l'uso e la contribuzione al Software Libero non caratterizzano
le aziende di Software Libero. L'elemento critico è la fornitura a valle di
Software Libero agli utenti. In altre parole: le aziende di Software Libero
sono aziende che hanno adottato il modello commerciale in cui il flusso di
reddito non è legato alle condizioni espresse nelle licenze tipiche del
software proprietario.</p>
<h2>Verso l'avvenire.</h2>
<p>Poiché ogni azienda naturalmente necessita di un elemento di
differenziazione che renda le proprie proposte uniche, la sola cosa che
essa è in grado di fare meglio, in modo più economico, più veloce di ogni
altro dà ai clienti le ragioni di scegliere quell'azienda piuttosto che
un'altra.</p>
<p>Questo è particolarmente evidente nell'ambiente del capitale a rischio,
e la mancanza di queste fonti di unicità è spesso percepita come una
debolezza strategica.</p>
<p>In uno dei miei prossimi articoli vorrei mostrare come i differenziatori
utilizzati dalle aziende di Software Libero possono essere potenti come
quelle utilizzate dalle aziende proprietarie, e che i differenziatori delle
aziende proprietari sono spesso meno eccezionali di quanto appaia.</p>
</body>
<tags>
<tag key="front-page"/>
<tag key="competition">Competition</tag>
<tag key="enterprise">Enterprise</tag>
</tags>
<author id="greve" />
<translator>Alessandro Polvani</translator>
</html>