Source files of fsfe.org, pdfreaders.org, freeyourandroid.org, ilovefs.org, drm.info, and test.fsfe.org. Contribute: https://fsfe.org/contribute/web/ https://fsfe.org
You can not select more than 25 topics Topics must start with a letter or number, can include dashes ('-') and can be up to 35 characters long.
 
 
 
 
 
 

113 lines
5.3 KiB

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<html>
<version>1</version>
<head>
<title>Liberare l'istruzione, per una crescita senza limiti</title>
</head>
<body>
<p id="category"><a href="/activities/activities.html">Campagne</a></p>
<h1>Liberare l'istruzione, per una crescita senza limiti</h1>
<div id="introduction">
<p>Vogliamo permettere a tutti i cittadini un accesso libero ai sistemi online e offline
delle scuole, e delle altre istituzioni pubbliche, spingendo per un uso obbligatorio
degli <a href="/freesoftware/standards/standards.html">Standard Aperti</a> e garanzie per un accesso indipendente dalla piattaforma
a tutti i servizi online. Questo permetterà agli studenti e ai genitori di utilizzare Software Libero, massimizzando
il loro potenziale per lo sviluppo e la crescita personale.</p>
</div>
<h2>Cosa chiediamo</h2>
<ul>
<li>di rafforzare il piano d'azione olandese "Netherlands Open in Connection"
rendendo l'uso degli Standard Aperti veramente obbligatorio per tutte le istituzioni pubbliche,</li>
<li>di creare un accesso indipendente dai produttori a tutti i servizi online
delle istituzioni pubbliche, in questo caso le scuole e università.</li>
<li>di promuovere un'educazione innovativa nelle abilità tecnologiche, attraverso un
integrazione nel programma didattico di competenze non legate ai produttori di software.</li>
</ul>
<p>Nei Paesi Bassi, alcuni studenti sono esclusi dalle piattaforme online delle scuole
a causa dell'uso di tecnologie web proprietarie. Sono così obbligati ad acquistare
software proprietario, semplicemente per effettuare operazioni di base come fare i compiti,
ricevere istruzioni dagli insegnanti, collaborare a dei progetti e partecipare a prove di valutazione.
Il Ministro olandese dell'Istruzione, in risposta al Parlamento, sostiene un accordo pluriennale che garantisce
a un produttore di software proprietario il controllo dei sistemi informatici nelle scuole. Così facendo
rigetta le ambiziose politiche olandesi nel campo degli Standard Aperti, ignorando le conseguenze, sia
a breve che a lungo termine:</p>
<ul>
<li>l'acquisto obbligatorio di tecnologia informatica proprietaria, semplicemente
per essere in grado di partecipare al lavoro didattico è illegale e incostituzionale;</li>
<li>alle istituzioni didattiche viene permesso di fornire alla grande maggioranza
degli studenti una serie molto limitata di competenze informatiche, tramite l'accordo
con un numero ristretto di produttori di software proprietario;</li>
<li>la forza innovativa dell'economia olandese viene ridotta, in quanto i
sistemi educativi non forniscono risorse umane sufficientemente qualificate;</li>
<li>le aziende, organizzazioni, istituzioni pubbliche olandesi vengono obbligate
a spendere miliardi di euro ogni anno in formazione, aggiornamenti di hardware forzati e costi
di licenza.</li>
</ul>
<h2>Background</h2>
<p>Gli utenti del Software Libero hanno dovuto da molto tempo abituarsi a numerosi problemi causati
dall'uso di tecnologia e standard proprietari nella didattica. Si tratta di un problema urgente,
che deve essere affrontato. L'uso di tecnologie proprietarie sui servizi web delle istituzioni
pubbliche, senza che sia fornita una valida giustificazione costituisce una scelta deliberata
per una dipendenza a lungo termine dal venditore.
Questo dovrebbe essere sempre impedito, soprattutto nelle scuole e nel settore pubblico in generale.
La FSFE vuole spingere per un uso obbligatorio degli Standard Aperti nel settore pubblico,
non solo nell'ordinamento olandese, ma in tutta Europa.</p>
<p>Il parlamento olandese sostiene l'uso obbligatorio degli Standard aperti da oltre un decennio,
dando origine ad una base giuridica ambiziosa ed internazionalmente acclamata. Questo importante traguardo
è ostacolato dal Ministro dell'Educazione, che non sta facendo nulla per mettere in pratica la base giuridica.
Ne consegue che le scuole continuano ad utilizzare tecnologia proprietaria.
Di conseguenza, le istitutioni scolastiche ed accademiche stanno obbligando gli studenti ad utilizzare
software prodotto da ben specifici produttori. La situazione è peggiorata dal 2007 e c'è bisogno di
un cambiamento immediato! L'obiettivo di questa campagna è quello di promuovere una nuova e più efficace legislazione
per assicurare l'uso obbligatorio degli Standard Aperti, non solo negli ambienti scolastici,
ma in tutto il settore pubblico.</p>
<h2>Come posso contribuire?</h2>
<ul>
<li><a href="https://lists.fsfe.org/mailman/listinfo/fsfe-nl">Iscriviti alla lista di discussione!</a></li>
<!--<li>Running this campaign in the long run, will cost money. So please <a
href="https://my.fsfe.org/donate">donate to the campaign</a></li>-->
<li>Condurre questa campagna nel lungo periodo comporta costi notevoli. Aiutaci con
una <a href="https://my.fsfe.org/donate">donazione</a></li>
<li><a
href="http://www.janstedehouder.nl/2011/09/28/make-the-use-of-open-standards-in-
education-mandatory/">Firma la petizione internazionale</a></li>
<li>Diffondi il nostro messaggio!</li>
</ul>
<section id="contact">
<h2>Contatti</h2>
<p>Mark Lamers and Jan Stedehouder</p>
<p><a href="mailto:nledu@lists.fsfe.org">nledu@lists.fsfe.org</a></p>
<p>Hashtag #nledu</p>
</section>
</body>
</html>